Notizie Eurodesk

Notizie Eurodesk

Premio giornalistico Daphne Caruana Galizia

Premio giornalistico Daphne Caruana Galizia

Il Premio giornalistico Daphne Caruana Galizia, istituito il 16 ottobre nell’anniversario della sua scomparsa, premierà il giornalismo d’eccellenza che riflette i valori europei.

“Il Premio Daphne Caruana Galizia riconoscerà il ruolo fondamentale che ricoprono i giornalisti nel preservare le nostre democrazie e servirà ai cittadini per ricordare l’importanza della libertà di stampa. Questo premio è concepito per sostenere i giornalisti nel lavoro che svolgono, di vitale importanza e spesso pericoloso, e per dimostrare che il Parlamento europeo sostiene i giornalisti d’inchiesta”, è quanto detto dalla vicepresidente del Parlamento Heidi Hautala.

Il premio annuale, il cui valore ammonta a 20.000 euro, sarà assegnato a partire da ottobre 2021 a giornalisti o a team di giornalisti che operano nell’UE. I candidati e gli eventuali vincitori verranno selezionati da una giuria indipendente.

Chi era Daphne Caruana Galizia?
Daphne Caruana Galizia è stata una giornalista maltese, oltre che una blogger e un’attivista contro la corruzione. Nel suo lavoro, ha riferito ampiamente di corruzione, di riciclaggio di proventi illeciti, di crimine organizzato, della compravendita di passaporti per acquisire la cittadinanza maltese e del relativo collegamento del governo dell’isola allo scandalo dei Panama Papers. Per questo è stata vittima di vessazioni e minacce, che sono culminate nell’attacco terroristico che ha posto fine alla sua vita: il 16 ottobre 2017 è morta a causa dell’esplosione di una bomba nascosta nella sua auto.

Il clamore e le proteste su come le autorità competenti hanno gestito le indagini relative al suo omicidio hanno portato il primo ministro Joseph Muscat a dimettersi dall’incarico. Critico sulle mancanze delle indagini, a dicembre 2019 il Parlamento europeo ha chiesto alla Commissione europea di prendere provvedimenti.

 

 

Potrebbe interessarti