Notizie Eurodesk

Notizie Eurodesk

Bauhaus europeo: invito a presentare progetti innovativi nelle città

Bauhaus europeo: invito a presentare progetti innovativi nelle città

L'iniziativa urbana europea (IUE) pubblica un invito a presentare proposte per un importo di 50 milioni di € al fine di sostenere l'innovazione urbana e le capacità delle città di costruire uno sviluppo urbano sostenibile. L'invito a presentare proposte rappresenta una perfetta trasposizione pratica dei valori fondamentali del nuovo Bauhaus europeo (estetica, sostenibilità e inclusione) e consentirà l'attuazione di progetti emblematici ("dimostratori") relativi alla seconda generazione del nuovo Bauhaus europeo, dopo che i primi sei progetti dimostratori sono stati finanziati nell'ambito di Orizzonte Europa. L'IUE fa parte del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

L'invito si rivolge a progetti che stimolino la trasformazione nelle città e abbiano il potenziale di generare investimenti e di ispirare altri progetti della politica di coesione, in linea con i principi del nuovo Bauhaus europeo.

Tali progetti devono essere collegati ai quattro temi seguenti:
-costruire e ristrutturare edifici con spirito improntato alla circolarità e alla neutralità in termini di emissioni di carbonio
-preservare e trasformare il patrimonio culturale
-adattare e trasformare edifici puntando a soluzioni abitative a prezzi accessibili
-riqualificare gli spazi urbani

Il FESR finanzierà l'80 % del costo dei progetti selezionati. Ciascun progetto può ricevere fino a 5 milioni di €. Parte di questi finanziamenti sosterranno il trasferimento di soluzioni innovative verso altre città d'Europa, al fine di rafforzarne ancor più l'impatto, in particolare nelle città e nelle regioni che più necessitano di un sostegno alla trasformazione verso il futuro verde. A più lungo termine, le autorità urbane beneficiarie del sostegno istituiranno partenariati di trasferimento con altre tre città interessate a riprodurre parti di progetti o progetti completi.

L'invito è aperto fino al 19 gennaio 2023.

 

Potrebbe interessarti